Monthly Archives: settembre 2018

CRACIUNESCU ARIETE, SFONDA LA DIFESA AVVERSARIA

CONCORDIA – GREZZANA LUGO

ORE 15:30

CAMPO SPORTIVO “MANUEL FIORITO” VIA ZORZI 6

 

Concordia: Pennacchioni Francesco, Gagliardi Lorenzo, Cinquetti Matteo, Albertini Manuel, Alberti Davide, Martini Michele, Blasi Giuseppe, Gallina Paolo, Moratti Francesco, Masetti Nicolo’, Craciunescu Alexandru. A disp: Albertini Filippo, Sterzi Gianluca, Scarsetto Luca, Romeo Giordano, Nicolis Fabio, Rossi Luca, Gambadoro Marcello. All.:Righetti Luca

 

Grezzana Lugo: Campesato Nico, Bianconi Stefano, Fiorentini Pietro, Ofori Emmanuel Ntoni, Antonelli Matteo, Vecchi Simone, Abedi Marcelino, Bilotta Luca, Benedetti Mirco, El Hamich Brahim, Taffarel Christofer. A disp: Buffon Isaia, Gomis Joachim Paul Ma, Ederle Alessandro, Dal Corso Davide, Laratta Luigi, Ederle Davide, Dal Corso Marco, Sterzi Lorenzo, Cesareo Angelo. All.: Ferronato Antonio.

 

reti:(0-0) 1-0 28′ Cracinescu  (Co)

 

La partita si mostra fin da subito grintosa, con gli ospiti che partono subito all’attacco ma trovano una difesa molto attenta. A pochissimi minuti dal fischio d’inizio il Grezzana batte una punizione di poco sopra la traversa, di contro al 31′ Martini fallisce davanti la porta arancio-nero.

Nei  primi 45 minuti il gioco appare vivace e molto veloce con diversi rovesci di fronte ma povero di chiare occasioni da goal, tant’è che allo scadere del primo tempo l’arbitro manda tutti negli spogliatoi sul risultato di 0-0.

 

All’avvio del secondo tempo i Viola si mostrano più propositivi, ma gli ospiti non si tirano di certo indietro.

Le squadre si mostrano arrembanti in attacco ma le difese sono molto attente ed in più occasioni salvano il risultato, al 9’st il Concordia e al 12′ st il Grezzana.

A differenza della prima metà di gioco le occasioni sono molteplici, ma nessuna delle 2 fazioni trova la rete del vantaggio.

Al 28′ arriva la svolta, passaggio su Craciunescu che avanza inesorabile ed in solitaria, dopo 2/3 dribbling ai danni della difesa ospite arriva davanti la porta e sigla il gol del vantaggio Viola.

Gli animi si infiammano e i falli si susseguono ma i calci di punizione che ne conseguono sono inefficaci per entrambe le squadre.

al 30′ il Grezzana ha l’occasione per agguantare il pareggio, ma Pennacchioni salva il risultato chiudendo lo specchio della porta ad El Hamich Brahim.

La partita regala un susseguirsi di emozioni con ritmi alti, nonostante il grande caldo, e assedi da entrambe le fazioni.

al 41? grave errore arbitrale ai danni del Concordia, il direttore non assegna un calcio di rigore palese, lo schiocco del calcio assestato allo stinco di Blasi si è sentito fin sugli spalti.

ultimi minuti di gara concitati e nervosi che ledono un po’ la buona prestazione mostrata da entrambe le formazioni.

triplice fischio finale che vede i padroni di casa agguantare la vittoria con annessi 3 punti.

 

Adriana Cangemi

 

 

DIARIO DI UN ALLENATORE

Cari genitori, lasciate lo sport ai vostri figli!

Le regole per tutelare l’armonia in campo e in famiglia.

-di Giovanni Uggeri per il sole 24 ore

Leviamo subito dal campo ogni dubbio. I genitori che urlano in tribuna sono “loro”. Quelli che insultano gli arbitri sono sempre quelli dell’altra squadra. Quelli che criticano il proprio allenatore sono gli “altri” e quel papà che insiste tutto il pomeriggio a dire al proprio figlio che la partita di domani è “importante” è quel pazzo ossessionato di cui non ricordo il nome. Adesso abbiamo fatto chiarezza su chi sbaglia (lo ricordiamo: “gli altri”), se solo per caso ci siamo ritrovati in una di queste situazioni o simili, siamo forse meglio disposti ad accettare qualche riflessione su come affrontare al meglio la vita sportiva dei nostri figli.

 

Sono più o meno 5 milioni i genitori che si apprestano a scegliere o confermare quale sport far praticare ai propri bambini mentre si avvicina la ripresa delle scuole e di tutte quelle attività parallele che completano le intense giornate dei ragazzi così  affollate di impegni, corsi e allenamenti  e che ritmano l’agenda settimanale delle famiglie. Una decisione nella quale il genitore a volte si trova, involontariamente o per semplice non conoscenza, un po’ impreparato. Ed è un peccato perché il rischio è guastare la bellezza di questa fase della vita dei tanti ragazzi che invece potrebbero trarne grandi benefici non solo fisici (chi scrive allena e ha allenato per tanti anni in sqadre giovanili dilettantistiche e trae solo dall’esperienza diretta alcuni episodi).

 

A ciò si aggiunge il fatto che per i ragazzini il “momento sportivo” è diventato sempre più unico. Le possibilità di fare attività all’aria aperta si sono assottigliate. I pomeriggi spesi in cortile o all’oratorio ormai non esistono più. L’ora di educazione motoria è “sopportata” dalle scuole. La scelta quindi di praticare una disciplina sportiva è diventata una decisione “importante”, forse caricata a volte di troppi significati e aspettative.

 

Quelle frasi rivelatrici

Inutile fare discorsi teorici. Meglio interpretare, con un pizzico di ironia e di autoironia, alcune tipiche frasi che si sentono a bordo campo:

Il falso distaccato:<<Basta che si divertano….>>. Frase impeccabile in teoria ma a volte è la classica espressione che si sente pronunciare da quel genitore che vuole mostrare quasi indifferenza, ma che alla prima sconfitta inizierà ad inveire contro il mondo e se poi il figlio dovesse stare troppo in panchina…..

Il competitivo:<<Avete intenzione di fare una buona squadra?>> frase rilevatrice di chi ci tiene a vincere, di solito un papà. Traduzione: non voglio proprio portare mio figlio in una squadra di scarsi dove si perde sempre.

La mamma organizzatrice:<<Non si potrebbero spostare al martedì gli allenamenti? Sento io le altre mamme faccio un gruppo su whatsapp….>>. Vittima dei molteplici impegni suoi, della sua famiglia e di suo figlio tenta disperatamente di incastrare tutto, trascurando che un’intera società sportiva piccola o grande ha esigenze proprie. Ma WhatsApp diventa soluzione di tutti i problemi.

Il falso modesto:<<E’ bravino, niente di che, gioca un po’ alla Dybala….>>Di solito è il papà. Vede suo figlio come un campione (che probabilmente non è), ma non vuole dirlo esplicitamente. Alla prima non convocazione sarà un problema.

Il simpatico incompetente:<<Se possibile non dovrebbe stare in barriera….>>o espressioni simili a seconda della disciplina rivelano il genitore “pauroso” che non conosce spesso le regole ma almeno è simpatico al limite del surreale.

Quelli mai contenti:<<Tutto bene, ma perché l’altro allenatore urla così tanto invece il nostro….>>(o il contrario). Hanno l’ossessione del confronto. Dell’allenatore soprattutto, ma poi anche delle divise, degli spogliatoi, delle riunioni più o meno frequenti e così via. C’è sempre qualcosa che di là fanno e qua no.

 

E cosa invece osservare:

Diciamo invece su cosa sarebbe bello che i genitori ponessero più attenzione.

Valutate il miglioramento. Solo chi lavora bene migliora. L’obiettivo non è solo il risultato. Da una sconfitta si può imparare molto di più. Ma bisogna viverla bene, cioè osservando i miglioramenti che non sono solo tecnici ma anche nella capacità di stare con gli altri, nell’autonomia, nel carattere e così via. Una sola Squadra vince il campionato, ma non è che tutte le altre sono composte da idioti, solo che hanno altri obiettivi. Si può vincere imparando.

I bambini, quando giocano e si divertono, sono serissimi. Ai bambini piacciono gli ambienti organizzati. Piace sapere quali sono i loro riferimenti e le regole. Non pensate che si divertano solo se corrono ridendo qua e là. Fare gli “stupidini”può essere divertente 10 minuti, ma poi stufa o fa litigare. Non date alibi. Il campo era troppo piccolo, troppo grande, fangoso o secco, l’arbitro e così via c’è sempre una scusa per non accettare una sconfitta. Meglio riconoscere a volte che gli altri sono più forti.

Scegliete la Società sportiva giusta. A misura delle qualità di vostro figlio. Giocare in una squadra con i propri amici e crescere con loro è un’esperienza che si ricorderà per tutta la vita. Iscriverlo per vincere in una società forte ma di ragazzi che ogni anno cambiano per essere sempre più forti potrebbe diventare un’esperienza inutile per lui e gratificante solo per il genitore.

Lasciate che diventino autonomiNon entrate mai nello spogliatoio, fategli portare la borsa in spalla e così via. Il bambino deve imparare a tenere in ordine le proprie cose e a non perderle. Servirà anche a casa….

– State zitti. Non interferite in quello che dice l’allenatore. Lo spogliatoio, il gruppo-squadra hanno proprie regole. E i bambini anche se piccoli le conoscono molto bene e le capiscono facilmente perché sono elementari. Voi invece non le sapete.

– Lasciate che gli allenatori sbaglino e commettano ingiustizie. Anche di questo nella vita bisogna imparare a essere più forti (purtroppo) e riuscire a vincere ugualmente.

-Valutate con attenzione che sia lo sport giusto. Giusto per il bambino, non per voi. A volte viene vista come un’offesa personale se un allenatore comunica al genitore che forse il bambino non è interessato, che forse potrebbe piacergli un altro sport e potrebbe coinvolgerlo di più.

– Considerate che potrebbe essere anche vostro figlio quello che dice le parolacce , che dà fastidio agli altri, che risponde all’allenatore ecc. ecc. non sono sempre “gli altri”.

Giocare ai giardinetti è una cosa bellissima ma non è fare sport. Le differenze sono fondamentali. Confrontarsi con le regole del gruppo, di un’organizzazione o di un arbitro è tutta un’altra cosa. e fa crescere come nient’altro.

AMICHEVOLE GIOVANISSIMI 2005

Un buon test in attesa del campionato.

 

Continua la marcia di avvicinamento dei Giovanissimi 2005 in vista dell’esordio in campionato previsto per sabato prossimo 22 Settembre.

Quest’oggi i Viola erano opposti in trasferta ai pari età del Pescantina in un test probante anche per il forte caldo che ha accompagnato tutta la gara.

I ragazzi hanno giocato una gara attenta, a ritmi sostenuti nonostante un clima da metà agosto e la stazza degli avversari, decisamente più imponenti dal punto di vista fisico.

Nonostante queste premesse, i ragazzi allenati dalla nuova coppia di Mister Anselmi e Malizia hanno risposto alla grande sul campo, imbrigliando gli avversari con grande possesso palla, pressing alto e volontà di mettere in pratica gli schemi imparati in allenamento.

Ne è uscita una partita piacevole, combattuta, che alla fine ha visto prevalere i nostri atleti con il risultato di 5-2 Grazie alle reti messe a segno da Hoti ( gran bordata da fuori area sotto la traversa), Francesco Gaburro (doppietta), Castellani e Bonesini.

Al di là del risultato (vincere fa comunque sempre piacere e morale), quello che conta è che i ragazzi stanno assimilando i nuovi dettami tecnici degli allenatori, che serviranno come il pane nel nuovo campionato.

Appuntamento dunque per l’esordio di sabato prossimo in trasferta in casa del Cadore per una nuova stagione Viola da vivere tutta d’un fiato.

Dario Zoppi

LA VITTORIA E’ “DI RIGORE”

Concordia- Olimpica Dossobuono (1-0) 1-0

direttore di gara: Federico Albi

Concordia: Pennacchioni Francesco, Gagliardi Lorenzo, Salvagno Mattia, Alberti Davide, Cinquetti Matteo, Martini Michele, Blasi Giuseppe, Gatti Alessandro, Moratti Francesco, Masetti Nicolo’, Gallina Paolo. A disp: Albertini Filippo, Sterzi Gianluca, Romeo Giordano, Craciunescu Alexandru, Nicolis Fabio, Bova Rocco, Gaburro Leonardo. Allenatore: Righetti Luca

 

Olimpica Dossobuono: Bottona Daniel, Faccioli Tommaso, Gioia Antonio, Norilli Alberto, Marangon Andrea, Carminati Alessandro, Fasoli Andrea, Cereda Matteo, Gandolfi Mattia, Caldana Filippo, Locatelli Giacomo. A disp. Bertasini Fabio, Cl Dhimi Ovaled, Pigatto Frederico, Donisi Nicola, Pallocco Luca, Saccomani Mirco, Pascarella Bruno,Ciuliani Alessandro. Allenatore:Meneghetti Matteo

 

Avvio di primo tempo con le 2 squadre ben piazzate in campo ed in fase di studio.

Qualche fiammata da ambo le parti ma nulla di eclatante da segnalare.

La svolta arriva al minuto 21 per un calcio di rigore assegnato ai Viola per spinta in area ai danni di Moratti.

Blasi si presenta sul dischetto e insacca il gol del 1-0 con un tiro rasoterra e a fil di palo, nonostante il portiere abbia intuito il tiro, il Concordia passa in vantaggio.

Al 40′ azione pericolosa dell’Olimpica, calcio d’angolo e tiro di Fasoli di poco sopra la traversa su ribattuta di Pennacchioni.

Il giudice di gara sancisce la fine del primo tempo senza assegnare recupero.

Secondo tempo più acceso e sentito, tant’è che al minuto 4, a seguito di un brutto fallo, l’arbitro decide per il rosso diretto a Masetti, Concordia in 10.

Al 10′ doppio intervento di un ispirato Pennacchioni che salva il risultato, prima su azione e subito dopo su calcio d’angolo.

al 25′ ennesima azione pericolosa in area Viola conclusasi con un nulla di fatto.

Squadre agguerrite e grintose che, in più di un’ occasione, danno del filo da torcere ai 2 portieri.

Secondo tempo denso  di emozioni e rovesci di fronte.

Negli ultimi minuti di gioco assalto dell’Olimpica per trovare il pareggio, ma la difesa Viola si fa trovare pronta grazie anche ad un super Salvagno.

al 44′ Bottona nega il raddoppio Viola con un ottimo intervento sul tiro di Craciunescu.

5 i minuti di recupero, giocati con grinta dalle 2 fazioni.

triplice fischio e tutti negli spogliatoi dopo una partita dispendiosa, che vede il Concordia vincere sull’Olimpica Dossobuono per 1-0.

 

Il Concordia vince e Convince anche giocando un tempo in 10 uomini.

Complimenti ai ragazzi di Mister Righetti che portano a casa i primi 3 punti, e complimenti al Dossobuono per il buon gioco mostrato in campo.

Adriana Cangemi

 

 

 

 

BUONA LA PRIMA

San Martino Speme – Concordia 1-2

San Martino Speme:

Massalongo Luca, Piccoli Nicolò, Bizzego Lorenzo, Savino Luigi, Benetti Dylan, Bersan Matteo, Bel Fakin Mohamed Am in, Bianchedi Pietro, Lupu Stoica Angelo Andrei, Marone Mattia. A disp: Castagna Leonardo, Tarana Lorenzo, Galiano Salvatore, Fadini Diego, Guenichi Kaled, Donatello Marco. Allenatore: Zendrini Filippo.

Concordia :

Bertinelli Davide, Zambelli Matteo, Grigolo Enrico, Pavanati Matteo, Bova Rocco, Faccini Mattia, Gaburro Leonardo, Tommasi Paolo, Fattori Tommaso, Nicolis Fabio, Stevanato Gabriel. A disp: Ferrari Francesco, Costermani Lorenzo, Gagliardi Carlo, Rossi Leonardo, Felici Simone, Balbo Louis Felipe, Guerra Zeno, Ghirlanda Filippo. Allenatore: Daniele Lo Presti.

Arbitro: Alex Scaldaferro

Pt: 0-0

St:1-2

Reti: Nicolis (Concordia 10’st) ,Fattori (Concordia 40’st) ,Donatello (San Martino Speme 46’st).

Buona la prima per i ragazzi di mister Lo Presti.

Giornata molto calda a San Martino 30° che sul campo sintetico si sentono tutti.

Il primo tempo finisce zero a zero ma con molteplici occasioni da ambo le parti…fosse finita due a due non ci sarebbe stato nulla da dire .

Nel secondo tempo il Concordia è più equilibrato e al 10º Nicolis sigla il primo gol,   asfissiante pressing di Ghirlanda,  assist per il numero 10 del Concordia che insacca, Uno a zero. Ancora una volta  Ghirlanda crea scompiglio in mezzo all’area dello Speme, palla a Fattori che insacca,  facendo in modo di recuperare  l’errore commesso nel primo tempo.

La partita sembra non avere più nulla da dire ma al 46º il San Martino parte all’attacco e,  sfruttando un errore della difesa viola, Donatello insacca quel che sarà il gol della bandiera.

Tutto sommato , per il gioco visto in campo, il risultato è giusto.

Arrivederci alla prossima.

 

 

PORTE APERTE

Il Concordia chiama, lo staff risponde.

Giornata all’insegna dello sport e del divertimento in quel di via Zorzi, numerosi i bambini accorsi per provare l’emozione di stare su un campo da calcio.

Una gioia vedere i loro sorrisi stampati sul viso, sorrisi che ripagano la frenesia e lo sforzo per il lavoro compiuto affinchè tutto riuscisse al meglio, ma soprattutto l’emozione indescrivibile dell’ essere consapevoli di aver donato un pomeriggio allegro e spensierato.

Sorrisi, emozioni ,gratificazioni per una società che sta dalla parte dei giovani, dello sport e del divertimento.

Grazie allo Staff ed ai preparatori per l’impegno, il lavoro e il tempo investito per la buona riuscita dell’evento.

Adriana Cangemi.

PRIMA DI CAMPIONATO JUNIORES

Esordio in campionato con il botto per gli JUNIORES del Concordia.

I ragazzi di Mister Lo Presti espugnano il campo del San Martino Speme vincendo per 2 reti a 1.

A segno Nicolis e Fattori che conquistano  i primi 3 punti per la squadra.