Monthly Archives: ottobre 2018

Partecipazione alla diretta gialloblù

Questa sera il  presidente Marco Giavoni  accompagnato da mister Renato Marangoni e una rappresentanza dei ragazzi del 2006 viola parteciperanno alla trasmissione di Telearena diretta gialloblù

Perturbazione atmosferica, De Nardi,Sandu, Avesani, come fulmini

Allievi Provinciali Verona. 5ª giornata. Concordia – Cadore.

Ha piovuto per tutta la durata della gara. La pioggia a tratti torrenziale, ha reso il campo fangoso appena praticabile. A proprio agio i viola, più dotati fisicamente.

Concordia – Cadore: (5-1) 7-1

Concordia: Schino Romolo G., Avesani Davide (8′ st Gugliotti), Grigolo Enrico, DE Marzi Giuseppe, Camerini RIccardo, Marchi Alberto (1’st Frizzera), De Nardi Lorenzo (22′ st Ferrarini), Carvutto Alessandro (15′ st Elantari), Perera K. Vinodh (27′ Drria), Buna Francesco (1’st Faccioli). A disp: Mantovani Riccardo. All.: Luca Spezie

Cadore: Rucco Giulio, Gelmetti Tommaso, Braggio Francesco, Ottaviani Mattia, Pezzo Andrea, Ballario Tommaso, Castenedoli Marco, Marchetti Federico, Anselmi Marco, Soave Luca, Talpo Edoardo. A disp: Piccoli Pertini Leonardo, Florea Antonio, Lasalvia Armando, De Rossi Alessandro. All.: Boccardi Dario

Arbitro:
Reti: 2’pt, 7’st Perera V. (Con), 7′ pt Grigolo E. (Con), 16′ , 39′ pt Sandu (Con), 24′ pt Carvutto (Con), 26’pt Castenedoli (Cad), 42′ st Faccioli F. (Con).

In avvio di gara il Concordia parte subito forte e già al 2′ si porta in vantaggio con Perera che appoggia la palla in rete sul palo più lontano con Rucco in uscita.
Al 7′ Sandu si presenta sulla bandierina e pennella in area un ottimo cross, cross che Grigolo intercetta e trasforma nel 2-0 con quel che si dice essere un gol di rapina.
Gli ospiti ci provano al 12′ da corner, ma Schino anticipa in uscita e nega il gol facendo suo il pallone.
Al 16′ punizione Sandu (particolarmente ispirato nella gara odierna) che calcia direttamente in porta, Rucco para ma il pallone gli sfugge di manoed entra in porta, 3-0.
Al 24′ serie di rimpalli in area del Cadore, Carvutto lucido insacca il 4-0 a favore viola.
Al 26′ errore difensivo dei viola, Avesani perde palla sulla linea di fondo, Ballario crossa e Castenedoli va in gol con un tiro spettacolare sotto l’incrocio (che gli varrà per il fregio di migliore in campo dei suoi), con Schino che ci prova ma non ci arriva di poco.
Al 34′ De Nardi, che sarà l’uomo assist del giorno, lanciato a reteda Avesani calcia di poco a lato, ma al 39′ un suo assist fa siglare a Sandu il 5-1.

Il Concordia dilaga chiudendo il primo tempo sul 5-1 ma il divario sarebbe potuto essere più ampio. Prima metà di gioco decisamente a tinte viola. La ripresa di gioco è simile se non uguale all’avvio di gara ed infatti già al 2′ Grigolo ci prova calciando di poco sopra la traversa.
Al minuto 7 l’assist man De Nardi mette la palla sul piede di Perera che aumenta il vantaggio dei padroni di casa segnando il 6-1.
Nonostante il Cadore ci provi con tutta l’anima si trova di fronte un Concordia dalla forma fisica perfetta.
Al 10′ cavalcata da centro campo di Castenedoli ma prima Schino che devia la palla a lato e poi Grigolo che spazza l’area gli negano il gol del raddoppio.
I viola attaccano incessantemente e gli ospiti raramente si affacciano nella metà campo avversaria.
Al 21′ si prospetta un ottima occasione per gli ospiti su punizione, Ottaviani calcia in porta ma per Schino la parata è semplice.
Al 42′ Sandu mette in area dalla bandierina, la palla carambola tra i piedi dei giocatori, ma Faccioli, caparbio, fa suo il pallone e chiude l’ultima azione della partita siglando il 7-1.
Triplice fischio e tutti in spogliatoio infreddoliti e fradici di pioggia.

il Concordia guadagna 3 punti importantissimi per la classifica e per il morale, migliori in campo:De Nardi assist man, Sandu furia scatenata e Avesani granatiere: tre fulmini in campo.
Il Cadore, nonostante il risultato, mostra a tratti di poter migliorare soprattutto tenendo conto che quasi tutta la squadra è dell’annata 2003, migliore in campo Castenedoli, diamante grezzo.

Adriana Cangemi

VITTORIA E TERZO TEMPO

Passata la buriana San Zeno, i giovanissimi 2005 del Concordia tornano alla vittoria contro i neroverdi del San Massimo.
A causa dell’impraticabilità del campo del San Massimo si è giocato al Concordia Stadium con inizio alle ore 18.30.
Con un clima da Champions League con tanto di riflettori e pubblico delle grandi occasioni (merito più che altro degli ottimi aperitivi proposti al bar dalla sempre più mitica Lorenza), l’undici viola ha travolto gli avversari con un secco tre a zero.
Il risultato dice poco della supremazia dei padroni di casa, che avrebbero potuto finire la gara con un risultato decisamente più rotondo se solo gli attaccanti viola fossero stati un po’ più precisi.
Se un difetto va trovato in questa squadra (a voler essere proprio pignoli) è proprio questo: creare tante, tantissime occasioni da gol e non riuscire a concretizzare il necessario. Certe partite, come quella di sabato, vanno chiuse molto prima, segno che manca ancora quella “cattiveria” agonistica necessaria per fare il definitivo salto di qualità.
La trama di gioco dei ragazzi di mister Anselmi è stata come sempre avvolgente, costringendo gli ospiti a buttare spesso via la palla senza possibilità di ragionare.
E’ stata decisamente la “Gaburro Night”, con i gemelli del gol protagonisti delle reti della serata; in particolare Alessandro, autore di una prestazione di grande spessore condita con una doppietta dopo una gara di grande corsa, fantasia e opportunismo. Il “metronomo” Francesco ha invece aperto le marcature con un gol di testa su azione di calcio d’angolo.
Giovanni Zoppi si è reso protagonista del record di pali e traverse colpiti in una stessa partita (palo destro, palo sinistro e traversa per par condicio), ma vanno fatti comunque i complimenti al portiere avversario che in almeno 4 occasioni ha evitato dei gol che sembravano fatti.
Nonostante la vittoria, i mister Anselmi e Malizia non erano del tutto soddisfatti, perchè a tratti il Concordia ha giocato con sufficienza, senza metterci la giusta concentrazione, quasi con un senso di superiorità.
Un po’ come il Brasile del 1982 contro l’Italia, convinto sempre di poter ammazzare la gara in ogni momento. Poi sappiamo tutti come è andata a finire…
La cosa estremamente positiva è che continua la crescita tecnico-tattica di ogni singolo ragazzo, e sempre di più ognuno si muove in campo sapendo dove posizionarsi e che movimenti fare, e di questo vanno ringraziati gli allenatori che stanno svolgendo un gran lavoro dal punto di vista tattico.
Ma siccome non di solo calcio vive l’uomo, per celebrare il ritorno alla vittoria il mister Anselmi si è prodigato la domenica successiva in una performance strepitosa ai fornelli, cucinando per tutta la squadra e relativi genitori un pranzo degno delle migliori locande stellate.
Con la stessa tenacia e preparazione che mette nello spiegare sovrapposizioni e gioco palla ha diretto infatti la squadra dei genitori ai fornelli, trasformando un’ accozzaglia di affamati mamme e papà in una perfetta brigata di cucina. Risultato: pranzo di tre portate per 40 persone e standing ovation!
Altro che Masterchef, solo noi possiamo vantare il vero…Mister Chef!

Castagnata al Concordianello

Venerdì 9 novembre e sabato 10 novembre, presso gli impianti di via Zorzi si svolgerà l’attesa “castagnata” a partire dalle ore 16 per passare il pomeriggio in compagnia.

Troppo forte questo San Zeno

Concordia – San Zeno

Chapeau. Null’altro si può dire della sfida di sabato tra i Giovanissimi del Concordia 2005 e il San Zeno 2004. D’accordo, i granata schieravano una formazione di giovani selezionati interamente dell’annata 2004, ma il divario è stato davvero troppo netto rispetto ai nostri ragazzi. Un divario non solo fisico (e già quello era molto), ma anche tecnico e tattico. Insomma, una gran bella squadra questo San Zeno, composta da elementi di grande valore, dei veri “animali da competizione” ma pur sempre sportivi, rispettosi ed educati (e non è cosa da poco di questi tempi). Il risultato finale è stato un sonoro nove a uno a favore degli ospiti, in una gara già delineata fin dalle prime battute.
E il Concordia? Tutto da buttare? Giornata maledetta? Assolutamente no! Anzi. Partite come queste servono per crescere come l’acqua nel deserto.
A parte il timore reverenziale iniziale che ha bloccato gambe e testa a più di qualcuno dei nostri, dopo un inizio in grande sofferenza i viola hanno ripreso a giocare secondo i dettami di quest’anno, con palla a terra e fraseggi alla ricerca dell’inserimento giusto.
Certo, rispetto alle partite precedenti il valore dell’avversario ha reso tutto molto più complicato, azzerando praticamente i tempi di gioco e costringendo i ragazzi del duo Anselmi-Malizia a muovere testa e gambe ad una velocità doppia rispetto al solito. Questo ha comportato una mole di errori decisamente più notevole rispetto al solito, ma la cosa più confortante è che nemmeno sotto un pressing asfissiante come quello del San Zeno i ragazzi hanno abiurato il loro credo calcistico, tentando sempre di costruire gioco.
E la cosa è stata notata anche dagli avversari che a fine gara si sono complimentati con i nostri per come hanno comunque interpretato la sfida. Mai mollare, anche contro avversari nettamente più forti. E proprio su un’azione di pressing condotta sulla difesa avversaria da Giovanni Zoppi è nato il gol della bandiera, con lo stesso Zoppi che costringeva all’errore il portiere e depositava in rete.
Una menzione speciale però la meritano i nostri portieroni Sabau e Mazzi; sottoposti ad un fuoco incrociato dagli avversari hanno sfoderato una prestazione super, con parate a ripetizione. E’ grazie a loro se il risultato non ha assunto proporzioni più vaste, perché, paradossalmente, nonostante i nove gol hanno giocato una gara gagliarda, comandando la difesa come mai era successo nelle precedenti occasioni.
A fine gara mister Anselmi ha avuto parole di elogio per i suoi ragazzi perché hanno saputo reagire alla iniziale difficoltà provando a giocare il loro calcio indipendentemente dall’avversario.
“E’ come uscire nove volte con la tua compagna di scuola e poi, alla decima, ti trovi davanti Belen – ha dichiarato sorridendo il mister viola Anselmi a fine gara – è logico, ti senti spiazzato e non sai come reagire. Ma col tempo impareranno a gestire anche queste situazioni perché ho un gruppo fantastico”.
Ora sotto con la prossima gara, per continuare questa splendida avventura e fare tesoro di questa partita.
Dario Zoppi

Concordia a 2 tempi, ma il Paluani ne fa quattro

Allievi Provinciali Verona. Concordia – Paluani Life.

Paluani Life ben messo in campo e dal buon gioco, Concordia che getta la gara nel primo quarto di gioco regalando due reti ma poi getta il cuore nel secondo tempo: qualche errore di troppo e la sfortuna sanciscono la sconfitta viola.
Mister Spezie (nella foto di copertina) può star sereno, il carattere dimostrato nella ripresa è la garanzia per un campionato di qualità. Qualità assoluta anche per Enrico Nardelli come sempre educatore sia sul piano comportamentale sia su quello tecnico: i suoi ragazzi hanno saputo amministrare gioco e palla anche nei frangenti più critici.

CONCORDIA – PALUANI LIFE (0-3) 2-4

Concordia: Schino Romolo G., Avesani Davide, Buna Francesco, De Marzi Giuseppe, Camerini Riccardo, Frizzera Luca, De Nardi Lorenzo, Faccioli Francesco, Perera K. Vinodh, De Nardi Alessandro, Sandu Daniel. A disp: Mantovani Riccardo, Fernando Warnakulasuriya, Pasquali Cristian, Carvutto Alessandro, Ferrarini Mattia, Drria Nizar. All: Luca Spezie.

Paluani Life: Agrillo Tommaso, Tommasi Emanuele, Maurin Michael, Carneri Diego, Lupi Leonardo, Gambino Alessandro, Terracciano Giovanni, Caruso Davide, Gallucci Riccardo, Billiani Tommaso, Gambino Stefano. A disp: Borin Alessio, Vaona Edoardo, Vignola Luca, Haj Meftah Hamza, Bonsaver Federico, Chitechi Jacob Shiundu, Bianconi Matteo. All. Nardelli Enrico.

Arbitro: Domenico Bovienzo di Verona

Reti: 1′ pt e 2’pt Gambino (Pal), 37′ Terracciano (Pal), 6’st Sandu (Con), 36′ Frizzera (Con), 38′ Chitechi (Pal)

Il Paluani parte subito in attacco ed al 1° minuto guadagna un calcio d’angolo, Billiani dalla bandierina pennella per la testa di Gambino che mette a segno lo 0-1, primo caffè sveglia per i padroni di casa che sembrano essere rimasti nello spogliatoio a dormire. Dopo solo 1 minuto gli ospiti replicano con Gambino lanciato in area tiro a rete.. Schino si distende in tuffo ma viene superato a causa di un rimbalzo anomalo del pallone su una zolla 0-2 . Inizio shock per i viola.
Al 12′ Perera solo davanti ad Agrillo divora il gol che avrebbe dimezzato lo svantaggio  dopo un’azione insistita dei padroni di casa che lo mandano diretto in area.
Il Concordia, sotto di 2 gol, riordina le idee e cerca di riagguantare la partita creando occasioni e dimostrando di esserci. Al 20′ traversa piena di Gambino che prova ad aumentare il vantaggio nonchè le sue marcature.
Marcature che non scoraggiano i viola che ci credono e soprattutto ci provano mettendo tutto in campo.
I rovesci di fronte sono continui ma il Paluani si mostra più ficcante e Schino al 36′ salva la porta in uscita sui piedi di Terracciano lanciato a rete.
37′ ancora Schino protagonista effettua una buona parata su tiro di Gallucci, la palla resta in area e Terracciano, di rapina, insacca lo 0-3 per lo sconforto viola.

Il secondo tempo inizia con le 2 formazioni ben agguerrite. I viola partono subito all’attacco ma la giornata è nata sotto una cattiva stella e dopo 4 minuti il portiere più impegnato è ancora Schino.
Il Paluani mostra un buon gioco (buono come i suoi pandori ndr), lucido e ben organizzato, i giocatori sono ben schierati e hanno come punto di forza la fisicità che usano in maniera accorta nei contrasti, di fronte il Concordia è entrato in partita dimostrando di potercela fare, qualche errore di troppo a cui si può sicuramente rimediare a breve termine, i padroni di casa si mostrano adesso più caparbi in attacco e attenti in difesa. Al 6′, dopo un’azione insistita e ben giocata Sandu tira a rete, Agrillo ribatte ma Sandu pronto e caparbio insacca a rete, 1-3.
Il Concordia ha voglia di cambiare le carte in tavola, la difesa è ora più attenta ed il centrocampo lotta per portare avanti la palla per servire l’attacco.
Le 2 fazioni sono molto combattive ed i ritmi di gioco sono molto alti nonostante la temperatura alta.
All’11’ il Paluani ci riprova, ma un freddo e attento Buna libera l’area calciando in calcio d’angolo, Billiani dalla bandierina calcia per Gambino una strepitosa palla a spiovere al centro dell’area ma Schino nega il gol togliendo la palla dalla porta in tuffo con la punta delle dita.
Al 14′ risposta viola, ma il tiro in porta è una telefonata per il portiere, nulla di fatto.
La gara entra nel vivo ed i 22 ragazzi in campo danno anima e cuore.
Al 17′ azione pericolosa viola che scema nel nulla a fronte di una difesa avversaria attenta.Al 19′ è ancora il Concordia che comanda il gioco, Avesani lancia Camerini che passa la palla a centro area a Perera ma il direttore di gara fischia un fuorigioco a dir poco dubbio che ferma l’azione pericolosa viola.
Al 23′ il Paluani batte 3 corner consecutivi ma non trova il gol.
Il nervosismo in campo si fa sentire ed è dovuto in parte a qualche errore di troppo del direttore di gara. Al 27′ i viola ci provano ancora, punizione di Frizzera ma Agrillo salva porta e risultato. Le 2 fazioni attaccano in modo veloce e continuativo con il Concordia che ci prova un pò di più ma che ha dalla sua un pizzico di sfortuna.
Al 33′ ancora punizione a favore viola, Frizzera calcia direttamente in porta impensierendo, non poco, Agrillo costretto a mandare la palla in calcio d’angolo.
Gli ospiti adesso sono schiacciati nella propria metà campo con il Concordia che cerca di accorciare lo svantaggio, ma nonostante il tour de force in attacco non si fa sorprendere in contropiede.
Nei minuti finali continua l’assedio dei padroni di casa , palla a spiovere in area di Pasquali e Frizzera realizza la rete del 2-3 con un ottimo colpo di testa. Paluani subito in contropiede, azione giocata a velocità sostenuta, Lupi passa palla a Chitechi, che, sul filo del fuorigioco, realizza la rete che sancisce il risultato finale di 2-4.

Il secondo tempo è decisamente viola. Viola i quali, nonostante il risultato, vogliono dimostrare di saperci fare e soprattutto di meritare un piazzamento in classifica più alto di quello attuale, e se la squadra manterrà il tasso di crescita, così come sta avvenendo di partita in partita, avrà buone probabilità di entrare nella fase elite.

Adriana Cangemi

Allievi A, A Poiano vince lo spirito di squadra

Juventina Poiano- Concordia

Allievi provinciali girone A 3° giornata

A Poiano vince lo spirito di squadra

Juventina: Cambioli Simone, Caricu Daniel, De vecchi Luca, Mannino Pietro, Zanini Tommaso, Bogoni Marco, Giarola Nicola, Finotti Francesco, Bragantini Federico, Canalia Filippo, Bogoni Luca. A disp: Iannucci Matteo, Visonà Luca, Stevanoni Andrea, Romano Filippo, Aldegheri Sebastiano, Molinari Luca, D’Orazio Andrea, Bellamoli Nicolò, Frecina Alessandro. All: Federico Gibellini.

Concordia: Schino Romolo G, Avesani Davide, Buna Francesco, De Marzi Giuseppe, Camerini Riccardo, Frizzera Luca, De Nardi Lorenzo, Carvutto Alessandro, Perera Vinodh, De Nardi Alessandro, Sandu Daniel. A disp: Mantovani Riccardo, Marchi Alberto, Drria Nizar, Ferrarini Mattia, Faccioli Francesco, Gugliotti Francesco, Elantari Anwar. All: Spezie Luca.

Reti: 34’pt De Nardi L.(Co), 1’st Bragantini(Ju), 12’st Perera (Co), 20’st Bogoni M.(Ju), 22’st rig. Bogoni M.(Ju), 27’st Canalia(Ju),38’st Bragantini (Ju).

Partita agguerrita e combattiva fin dai primi minuti, il bel gioco la fa da padrone, Juventina lucida ma soprattutto unita. Il Concordia, nonostante il risultato, mostra di potercela fare.

Nei primi minuti il portiere più impegnato e sicuramente Schino per l’assedio bianconero. Al 21′ una spettacolare punizione al limite dell’area di Bogoni M. Ma il portiere Viola respinge un tiro Teso rasoterra tutt’altro che semplice da parare. Al 28′ calcio d’angolo Viola, Sandu mette in mezzo in area e De Nardi L. in semirovesciata impensierisce Cambioli che però è attento. La gara si fa più vivace e le occasioni non mancano da entrambe le parti. Al 34′ punizione Viola da posizione defilata, Sandu calcia a spiovere in area e De Nardi insacca, 0-1.
Fine primo tempo, tutti a riposo.

A 12 secondi dalla ripresa, cross defilato di Bogoni M. e goal di testa di Bragantini su dormita generale Viola. 1-1.
Rovescio di fronte, i Viola avanzano con una serie di passaggi palla a De Nardi L. A limite d’area, mette in mezzo, De Vecchi liscia, Perera di rapina insacca il 2 – 1.
Le 2 formazioni sono arrembanti ed i rovesci di fronte continui. Al 20′ malinteso De Marzi/ Schino, il difensore effettua un retropassaggio impreciso ed il portiere e costretto a parare in scivolata di mano per evitare l’autorete, risultato: punizione a 2 in area, fendente rasoterra ad incrociare e Bogoni M. sigla il 2-2.
Al 22′ fallo in area di De Marzi ai danni di Bogoni M., giallo e rigore, lo stesso Bogoni sul dischetto, tiro teso e potente, Schino intuisce ma non ci arriva, 3-2, doppietta per il 10 bianconero.
La gara si innervosisce e gli animi si scaldano. Al 27′ punizione bianconera a limite d’area da posizione defilata, Bogoni M. calcia in mezzo all’area, confusione davanti al portiere ed il lucidissimo Canalia gonfia la rete per il 4-2.
Al 30′ Sandu divora il 4-3 solo davanti al portiere. Le occasioni non mancano ma la Juventina è fredda e lucida nel finalizzare tant’è che al 38′ Bragantini si presenta a tu per tu con Schino che respinge, palla ancora a Bragantini che questa volta insacca il 5-2 (doppietta anche per lui).
Triplice fischio e Juventina vittoriosa.

I bianconeri in forma giocano un buon calcio, ottima l’intesa tra i giocatori, migliori in campo Bogoni M., Bragantini, e Canalia, e non solo per le reti ma per l’ottima tecnica e visione di gioco.
Il Concordia, nonostante la sconfitta, non è da meno.
I Viola peccano di mancanza di spirito di squadra e giocando a tratti singolarmente, c’è da dire che metà dei ragazzi sono arrivati da poco e che ci vorrà del tempo per amalgamare la squadra, ma la base c’è basta lavorarci su. Migliori in campo De Nardi L., Sandu Daniel e Avesani Davide.

Adriana Cangemi

Giovanissimi B, Il Concordia vince in casa del Saval Maddalena

Continua il momento magico dei giovanissimi B 2005 che sabato hanno espugnato il campo del Saval-Maddalena con un secco 4-1.

La notizia del giorno però è che abbiamo finalmente segnato su calcio di rigore, grazie a San Tommaso Zanini da Torri che ha spezzato una maledizione che in confronto quella di Tutankhamon era una fiaba per bambini. A dire il vero ce ne sono voluti 2 di rigori prima di poter gioire dagli undici metri, perché anche sabato il primo tentativo è andato a vuoto a causa dell’errore di Mazzola. Al secondo tentativo però si è presentato appunto Zanini che ha realizzato spiazzando il portiere con un secco rasoterra. Dell’espressione di sollievo di mister Anselmi, ho come l’impressione che si sia trovato lo “stoccatore” ufficiale. E non è cosa da poco, credetemi; cinque rigori fischiati (oltre ad almeno altri quattro altrettanto evidenti ma non sanzionati) nelle prime 3 giornate sono un dato statistico importante che sta a testimoniare come la squadra crei molta occasioni da gol, palla a terra, e come ad oggi le difese avversarie non siano riuscite a trovare delle contromisure alle trame offensive Viola.

Il leit motiv della partita contro il Saval e stato proprio questo: contro una formazione fisicamente più prestante, il Concordia ha impostato una gara d’attacco, partendo subito forte ed imbrigliando gli avversari con pressing alto e una fitta trama di passaggi. Il mantra della gara è stata la gestione della palla a 2 tocchi, come ha ricordato mister Anselmi a più riprese ai suoi ragazzi dalla panchina. Le reti del Concordia sono state messe a segno da Bonesini, autore di una doppietta e di una prestazione maiuscola per grinta, capacità di corsa e di volontà( a parte qualche licenza offensiva di troppo che ha costretto i mister Anselmi/Malizia a sfruttare tutte le loro capacità vocali per disciplinare tatticamente il ragazzo), da Francesco Gaburro, sempre più leader in campo e capace di ricoprire (e molto bene) più ruoli nel corso di una stessa partita, e di Zanini apunto su rigore.

Sul 3-0 il Saval Maddalena ha accorciato le distanze ad inizi secondo tempo con un bel tiro da fuori, per poi capitolare definitivamente poco dopo sul tanto decantato rigore.

In realtà la partita sarebbe potuta finire anche con un risultato più ampio, se Giovanni Zoppi( autore comunque di una prestazione di spessore in attacco) non avesse spedito la palla prima fuori di un niente e poi sulla traversa. Anche Mazzola e Gaburro A. sono andati molto vicini al gol, segno che le occasioni create sono state davvero molte.

Altro dato statistico interessante: su quattro gol segnati, tre sono stati realizzati da difensori( Bonesini/Zanini, e uno da un centrocampista (Gaburro F.), a testimonianza che il gioco espresso coinvolge davvero tutta la squadra, e tutti possono essere pericolosi.

Sabato prossimo arriva la corazzata San Zeno in una partita che si preannuncia proibitiva, almeno sulla carta . Non importa il risultato che verrà, l’importante è che continui il processo di crescita di questa squadra, in cui ognuno sta imparando che può dare una mano e divertirsi.

P.s. speriamo che le punte abbiano conservato i gol per sabato, si è lasciato scappare a fine gara mister Anselmi. A buon intenditor…..

Dario Zoppi

Alba cinica, arbitro da giallo, viola da rosso, Questo è il calcio

Juniores Elite girone A. Giornata 5. Concordia – AlbaBorgoRoma.

Delusione doppia in casa viola nella partita delle grandi attese, l’Alba guadagna tre punti fondamentali, il Concordia perde una buona opportunità di accorciare le distanze dalla Virtus perdente contro il Malo. Tutti pronti ad applaudirlo ma Kevin Pollina, ex viola, che avrebbe dovuto essere il sorvegliato speciale gioca solo 5 minuti finali.
Avrà tempo per far emergere le sue qualità tecniche.

 

Concordia – Alba (1-0)1-2

Concordia: Bertinelli Davide, Scarsetto Luca (25’st Savi), Pavanati Matteo, Bova Rocco, Sterzi Gianluca, Faccini Mattia(32’st Balbo), Gaburro Leonardo(37’st Zambelli), Chesini Diego, Fattori Tommaso, Nicolis Fabio, Ghirlanda Filippo(1’st Drria). A disp: Ferrari Francesco, Grigolo Enrico, Felici Simone, Rossi Leonardo, Caccia Lorenzo. All: Lo Presti Daniele.

Alba Borgo Roma: Sansone Albert, Boni Alessio, Sa Danilson, Castelli Giacomo(40’st Pollina), Chieppe Giacomo(34’pt Raimondi A.), Lorenzetti Thomas, Marcomini Martin(37’st Donini), Bezzetto Davide, Scarmignan Filippo, Filippi Matteo, Corso Davide. A disp: Montalto Natale, Mansour Anes, Evangelisti Niccolò, Growcock Tymothy Dean, Raimondi Luca, Soave Manuel. All: Franchini Gianfranco

Arbitro: Mohamed Farag Ahmed di Legnago
Reti: 38’pt Marcomini (Al), 26’st rig.Scarmignan (Al), 43’st Drria(Co)

 

Il Concordia scende in campo con la presunzione di una vittoria facile ma sono i giallorossi che premono contro i viola i quali, nei primi minuti, collezionano errori in difesa. Ma l’Alba non ne approfitta.
Solo al 7′ i Viola sfiorano il goal con Ghirlanda che trova in opposizione un ottimo e attento Sansone. Dopodichè gran lavoro a centrocampo senza sbocchi per l’una o l’altra e bisogna attendere solo il 38′ per il vantaggio degli ospiti con la rete che porta la firma di Marcomini.  Il Concordia reagisce ma  Chesini divora il goal del pareggio.  Scorrono inesorabili, per il Concordia, i primi 45 minuti senza troppe emozioni nè occasioni da rete.

Fine primo tempo e tutti negli spogliatoi, in attesa di una ripresa più vivace: lo è ma non troppo.

Al 22′ Drria mette la palla in area da calcio d’angolo ma il centrale Sterzi non finalizza. Al 26′, dopo molteplici occasioni viola di raddrizzare il risultato, l’Alba in contropiede guadagna un rigore, Scarmignan non si fa  pregare e dal dischetto spiazza il portiere e insacca il 2-0.
Mister Lo Presti si sbraccia inutilmente dalla panchina per smuovere un Concordia abulico. Solo a pochi minuti dalla fine i padroni di casa acquisiscono la verve, verve che è mancata per quasi tutta la gara, e un minuto dopo il clamoroso palo di Savi al 43′ Drria(nella foto di copertina) gonfia la rete accorciando lo svantaggio. A seguito del goal il Concordia cerca incessantemente il pareggio, ma non c’è più tempo, les jeux sont faits e i 3 punti li porta a casa l’Alba.

Partita dalle molteplici letture, chi afferma sia stata una gara combattuta e ben giocata per altri partita piatta e rasente la noia. Concordia con più occasioni ed Alba con più gioco. Da segnalare 2/3 fuorigioco viola inesistenti ed in chiara occasione da goal, arbitro da cartellino giallo.
Cartellino rosso al Concordia che avrebbe potuto e dovuto fare di più.

Adriana Cangemi

 

L’ONDA VIOLA TRAVOLGE IL PONTE CRENCANO

Esordio casalingo con il botto per i giovanissimi 2005 del duo Anselmi/Malizia.

L’undici viola ha sfoderato una prestazione gagliarda, continuando con la filosofia di gioco, apprezzata in queste prime uscite, fatta di palla a terra, gioco a 2 tocchi e pressing alto.

Dopo un primo tempo finito a reti inviolate, il Concordia ha aggiustato il tiro nella ripresa sottoponendo gli avversari gialloblù ad un pressing tamburellante.

Il risultato è stato un sonoro 6-2 che sarebbe potuto essere anche più rotondo se i padroni di casa non avessero sbagliato anche 2 rigori con i gemelli Gaburro( che sommati al rigore sbagliato nella gara d’esordio da Zoppi portano a 3 gli errori dagli 11 metri).

Eroe della giornata è stato l’attaccante Mazzola, autore di una tripletta che gli ha consentito di portare a casa il pallone firmato dai compagni di squadra ( con buona pace della mamma che già teme per la cristalleria di casa).

Da segnalare la prestazione di grande spessore in difesa di Tommaso Zanini, sempre più a suo agio nel suo nuovo ruolo di centrale ritagliato dai mister.

Complimenti anche a Lorenzo Gragnato, autore di un gran gol con un tiro da fuori area che si è infilato sotto la traversa dopo una veronica ubriacante ai danni del difensore avversario, roba da Champions League.

Di Zoppi e Alessandro Gaburro le altri reti del Concordia, mentre in chiusura di gara gli ospiti hanno ridotto il passivo grazie ad una doppietta di Moreschi con 2 conclusioni da fuori area.

Insomma, ci si è divertiti non solo per il risultato (vincere è sempre piacevole, con buona pace di De Coubertin) ma soprattutto per la mentalità che stanno acquisendo i ragazzi, sempre pronti a giocare la palla mettendo in pratica le direttive del mister.

Arriveranno anche i tempi di vacche magre, ma per ora godiamoci questo momento, nella speranza che possano sempre divertirsi come stanno facendo ora, a prescindere dai risultati.

Dario Zoppi