Verona, 5 Aprile 2020
Carissimi atleti, allenatori, dirigenti, genitori, volontari, affezionati.La difficile situazione sanitaria che coinvolge tutto il mondo, ci sta costringendo ad una inaspettata e inusuale situazione e mi fa pensare che difficilmente la stagione sportiva 2019/2020 potrà vedere una ripresa e quindi e vorrei fare un bilancio ad oggi dell’annatatrascorsa assieme. Permettetemi di iniziare con alcuni doverosi e sentiti ringraziamenti:
 Un grazie per il notevole supporto a tutti i membri del Direttivo: al vicepresidente Giovanni Bertinelli, ai consiglieri Giovanna Valentini, Adriana Cangemi, Stefano Danese, Michele Fraccaroli, Stefano Perazzolo. Un grazie al segretario Gianfranco Guerra, ai cassieri Sonia Faccin e Giorgio Grigolato vere colonne portanti della società.
 Un grazie al nostro direttore sportivo Daniele Vantini che con grande professionalitàed esperienza gestisce al meglio la nostra prima squadra.
 Un grazie al responsabile del Settore giovanile Franco Morbioli, artefice principaledella crescita del gruppo dei nostri giovani.
 Un grazie all’indispensabile Monica Zandonà che gestisce il nostro atelier.
 Un grazie a Lorenza Morbioli, la responsabile del nostro bar che, con molta cura,simpatia e passione, ha creato un vero punto d’incontro e ritrovo.
 Un grazie allo staff viola, anima di questa società. Un grazie a Bruno Righetti che con competenza cura il verde del nostro centrosportivo. “Concordianello”, polmone verde per il nostro quartiere.
 Un grazie ai dirigenti accompagnatori che seguono le squadre agli appuntamenti erappresentano la società e i suoi valori, su tutti i campi.
 Un grazie agli allenatori che con impegno, cura e passione svolgono il delicatocompito di seguire i ragazzi, dando una mano ai genitori in questo bellissimo compitoche è “educare”
 Un grazie ai genitori che ci danno fiducia.
 Un grazie agli atleti che ci seguono per un tratto più o meno lungo di cammino.
 Un grazie a tutti coloro che avendo conosciuto la nostra società quando i loro figlierano giovani calciatori e hanno continuato a dare una mano.Vorrei anche dire che l’elenco qui sopra non è una graduatoria e forse non è nemmeno esaustivo, e come ci insegnano i fatti che stiamo vivendo, un motore va avanti e percorre strada se tutte le componenti sono efficienti, e anche la rottura di un piccolo elemento, fa si che l’intero motore si fermi.Un’altra riflessione che mi sento di condividere: ho toccato con mano che il nostrostare assieme va al di là dell’aspetto meramente sportivo e ci mancano molto i rapporti umaniche avevamo instaurato nel condividere il tempo libero e le serate.Abbiamo iniziato la stagione a settembre con l’iniziativa “Porte aperte”, giornata in cuiè stato emozionante vedere il nostro impianto pieno di bambini e ragazzi. A fine ottobre abbiamo organizzato una castagnata, altro momento di grande condivisione. A Natale abbiamo voluto un momento di riflessione guidato da Don Paolo dellaparrocchia di San Domenico Savio aperto a tutti, che poi si è concluso, come è tradizione con un momento di festa. Un bellissimo momento per condividere, non solo con la propria
squadra, ma con tutta la società, per cementare rapporti di amicizia fra genitori, dirigenti,accompagnatori, giocatori che abitualmente frequentano il nostro centro. Abbiamo cercato di offrire momenti di riflessione e formazione culturale invitandoalcuni professionisti: la nutrizionista Dr.ssa Marta Giavoni e la psicologa Dr.ssa ElenaTessarolo.Purtroppo abbiamo dovuto interrompere l’organizzazione della consueta “settimana viola” durante la quale da anni organizzavamo tornei riservati alla categoria pulcini e ad altrecategorie, per ricordare persone a noi vicine che ci hanno prematuramente lasciato. Spiace non aver sfruttato la veranda sotto il portico adiacente al bar, nella quale pensavamo di organizzare serate a tema, momenti fondamentali per creare un vero spirito societario. Abbiamo fatto le … pulizie pasquali del nostro impianto e provveduto ad una sanificazione degli spogliatoi. A breve inizieranno i lavori di posizionamento di almeno tre tombini fra il campo di allenamento e quello a 7 per fare defluire al meglio le acque piovane. Se le misure restrittive saranno diminuite, chiederemo alla Circoscrizione la possibilitàdi organizzare dei camp estivi, magari organizzando una festa di tutto il quartiere visto cheanche la sagra parrocchiale probabilmente sarà annullata. Faremo di tutto per aiutare i nostri ragazzi e le loro famiglie e cercheremo, nei limiti delle nostre possibilità, di venirvi incontro nella quota d’iscrizione del prossimo anno perché sarà un’annata di sacrifici per tutti. Stiamo già pensando alla prossima stagione, al prossimo campionato, perché ci saranno tante società che non si iscriveranno ma i colori viola, nell’anno del quarantesimo, anniversario sicuramente saranno ai nastri di partenza.Mi auguro che questa pandemia sia per tutti un momento di riflessione, di uscirne il piùpresto possibile e… migliori.Nella speranza di incontrarVi sul campo, con l’occasione porgo a tutti Voi un sinceroaugurio di Buona Pasqua… e Vi lascio con una frase di Seneca: “Anche se il timore avrà piùargomenti, scegli la speranza”. IL PRESIDENTE P.G.S. Concordia
Marco Giavoni